Enti locali

Incarichi a contratto: gli atti di affidamento di incarichi di responsabilità dirigenziale con contratti a tempo determinato ex art. 110 TUEL devono essere adeguatamente motivati e sono soggetti alla giurisdizione del G.A., ai sensi dell’art. 63, co. 4, d.lgs. n. 165/2001, in quanto il citato art. 110 d.lgs. n. 267/2000 non esonera gli enti locali dallo svolgere procedure concorsuali che, in ossequio all’art. 97 Cost., devono essere rette dai principi di trasparenza, imparzialità e par condicio (nella fattispecie, il Tar ha ritenuto illegittima la determinazione con la quale il Sindaco aveva conferito ad un soggetto l’incarico a tempo determinato di dirigente tecnico responsabile di un Ufficio con una motivazione ritenuta tautologica, recante soltanto il riferimento all’“esperienza maturata con le funzioni proprie del posto da ricoprire e con lo svolgimento dell’attività svolta presso l’Amministrazione comunale”).

(Tar Sicilia, Palermo, sez. II, 17 maggio 2016, n. 1198)

«Ritiene il Collegio che il ricorso sia stato correttamente incardinato avanti all’adito T.a.r. e ciò perché, come ha già statuito questo T.a.r., con sentenza della sez. III, l8 luglio 2014, n. 1931 “viene in evidenza una procedura concorsuale che non presenta elementi differenziali tali da dar luogo ad uno scostamento dalle ordinarie regole di riparto di giurisdizione in materia di concorsi (anche in relazione alle assunzioni a termine che danno luogo a rapporti di subordinazione)”.
Invero, l’art. 110 d.lgs. n. 267/2000, che l’avviso pubblico pone a fondamento della procedura di cui trattasi, consente “agli enti locali di affidare incarichi di responsabilità dirigenziale con contratti a tempo determinato”, ma “non li esonera dallo svolgere procedure concorsuali”, procedure che, in ossequio all’art. 97 Cost., devono essere rette dai principi di trasparenza, imparzialità e par condicio (v. T.a.r. Umbria – Perugia, sez. I, con sentenza 30 aprile 2015, n. 195).
Sussiste quindi la giurisdizione del g.a. ai sensi dell’art. 63, c. 4, d.lgs. n. 165/2001.
Sempre in via preliminare, rileva il Collegio l’infondatezza dell’eccezione di irricevibilità sollevata dalla difesa del Comune.
Invero, l’atto finale della procedura di cui trattasi è la determinazione sindacale n. 104/DS del 28/7/2015, pubblicata all’albo pretorio del Comune dal 27/7/2015, al 12/8/2015 (provvedimento rispetto al quale la nota 17/6/2015 prot. n. 489137, costituisce mero atto infraprocedimentale).
Il ricorso è stato ritualmente notificato al Comune e alla controinteressata in data 29/10/2015 e quindi entro il termine decadenziale previsto dalla legge, tenuto anche conto del periodo di sospensione feriale (v. nel senso dell’applicabilità: T.a.r. Abruzzo-L’Aquila, 12 settembre 2012, n. 574).
Ciò posto, nel merito ritiene il Collegio che sia fondato ed assorbente il secondo profilo del secondo motivo di ricorso.
Invero, per come previsto dall’art. 50 e 51 del Regolamento sull’ordinamento degli uffici e dei servizi del Comune
[…] e dell’art. 6 dell’avviso pubblico, costituente lex specialis della procedura: “l’Area delle Risorse Umane, sulla base della documentazione acquisita, procede alla verifica della sussistenza dei requisiti generali e specifici richiesti per i posti da ricoprire e trasmette l’elenco dei candidati idonei al Sindaco; quest’ultimo, valutati i singoli curricula, con formale provvedimento motivato, individua il/i candidato/i prescelto/i, dando mandato all’Area delle Risorse Umane per gli adempimenti consequenziali”.
Nel caso di specie la motivazione contenuta negli atti impugnati è meramente tautologica atteso che il Sindaco fa solo riferimento all’ “esperienza maturata
[dalla controinteressata] con le funzioni proprie del posto da ricoprire e con lo svolgimento dell’attività svolta presso l’Amministrazione comunale”, senza dare in alcun modo conto delle ragioni per le quali [la controinteressata] sia stata preferita agli altri candidati.
Palese è quindi il difetto di motivazione e la violazione dell’art. 3 l. n. 241/1990
».

Daniele Majori – Avvocato e consulente aziendale

Fonte:www.giustizia-amministrativa.it

Contattaci per sapere come possiamo aiutarti

Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Annunci