archives

Giudizio di responsabilità

Questa categoria contiene 2 articoli

Corte dei conti: non ogni condotta divergente da quella doverosa implica la colpa grave, ma solo quella caratterizzata, nel caso concreto, dalla mancanza del livello minimo di diligenza, prudenza o perizia dei dipendenti, dal tipo di attività richiesta all’agente (nella fattispecie, il giudice contabile ha ritenuto non sussistente la responsabilità amministrativa del Direttore generale per gli atti adottati in esecuzione dell’ordine imposto dal Sindaco, considerato che, in considerazione delle specifiche circostanze del caso, non era ipotizzabile una diversa condotta dal parte del convenuto).

(Corte dei conti, sez. giurisdizionale per la Regione Toscana, 11 maggio 2015, n. 86) «[D]ovendo il giudice contabile, al fine di addivenire ad una sentenza di condanna nei confronti del soggetto convenuto in giudizio individuare, tra gli altri elementi, la colpa grave dell’agente pubblico, osserva il Collegio che nella specie esso non si può ritenere … Continua a leggere

La Corte dei Conti specifica che l’art. 55 quinquies d.lgs. n. 165/2001 (introdotto dal c.d. “decreto Brunetta”) si presenta quale previsione ad hoc volta a sanzionare la specifica fattispecie dell’assenteismo fraudolento nel pubblico impiego, ricollegando ad essa l’azionabilità del risarcimento del danno (patrimoniale diretto ed all’immagine) derivatone a carico della P.A.

(Corte dei conti, sez. giurisdizionale per la Regione Campania, 23 maggio 2014, n. 512) «In via preliminare, il Collegio è chiamato ad esaminare l’eccezione di inammissibilità dell’atto di citazione (e di nullità della sottostante attività istruttoria della Procura erariale) formulata dal convenuto […] in relazione al profilo del contestato danno all’immagine. La predetta eccezione si … Continua a leggere

Categorie

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.