Informative antimafia, Prefetture-UTG

Informative antimafia: il Prefetto ha l’obbligo specifico di accertare con puntualità il permanere del quadro indiziario originario (nella fattispecie, il Tar Campania ha ritenuto privo di sufficiente consistenza indiziaria sia il presunto ruolo di attuale amministratore di fatto della società ricorrente del padre dei tre attuali soci – in precedenza, titolare della stessa società, sebbene con diversa ragione sociale – sia il suo supposto collegamento con la criminalità organizzata, essendo stato egli assolto da un’imputazione di concorso esterno in associazione mafiosa per fatti, tra l’altro, molto risalenti nel tempo).

(Tar Campania, Napoli, sez. I, 7 gennaio 2015, n. 53)

«Rileva preliminarmente il Collegio che nell’informativa impugnata, anche in ragione dei rinvii operati alle precedenti interdittive del 2008 e del 21 gennaio 2014, unico elemento di sospetto di permeabilità mafiosa riguarda la persona di [Tizio], padre dei tre attuali soci della società ricorrente, nei confronti dei quali è invece mancato qualsiasi riferimento indiziario diretto.
Quanto al ruolo di quest’ultimo nell’attuale assetto gestionale della società ricorrente, nel corso del giudizio è risultato incontestato che, oltre all’esistenza di un vinculum sanguinis con i soci,
[Tizio] ne sia stato titolare, sebbene con diversa ragione sociale, fino al 2007.
Ebbene, in disparte ogni considerazione circa la rilevanza in sé di tale rapporto di parentela, nonché dell’effettività o meno del suo allontanamento dall’originario nucleo familiare, ciò che si mostra privo di sufficiente consistenza indiziaria è sia l’attuale ruolo di
[Tizio] come amministratore di fatto, sia il suo supposto collegamento con la criminalità organizzata.
Sotto il primo profilo, nella motivazione del provvedimento impugnato è mancata qualsiasi idonea dimostrazione o fondato sospetto che
[Tizio] operi attualmente nella società ricorrente o assuma per essa decisioni di carattere organizzativo o gestionale.
Riguardo al secondo aspetto, va richiamato il consolidato orientamento, anche di questa Sezione, per cui se anche l’adozione di una misura cautelare coercitiva per il delitto di concorso esterno in associazione mafiosa nei confronti di un imprenditore, possa rappresentare idoneo indizio a fini di interdizione antimafia, è anche vero che costituisce compito specifico dell’Autorità di pubblica sicurezza verificare il consolidamento di tale ipotesi delittuosa seguendo l’evoluzione del processo penale nel cui ambito l’ordinanza cautelare è stata adottata; tale comportamento, oltre a rispondere al principio generale di imparzialità dell’azione amministrativa, costituisce anche attuazione dell’obbligo specifico del Prefetto di accertare con puntualità il permanere del quadro indiziario originario.
Rileva il Collegio che, nel caso in esame, il Prefetto
[…] ha puntualmente assolto a tale compito istruttorio, domandandosi se la sentenza penale di assoluzione [di Tizio] potesse elidere anche ogni rilevanza indiziaria residua a fini di prevenzione antimafia amministrativa.
Tuttavia, il giudizio di persistenza dell’elemento indiziario, in base al rilievo che
[Tizio] è stato ritenuto dal giudice penale un “soggetto che certamente non aveva mai sporto denunzia o posto problemi nel corrispondere le rate estorsive”, denota una lettura della sentenza di assoluzione che ha condotto ad una conclusione irragionevole, perché non in linea con le risultanze istruttorie. Invero, il Tribunale […] ha anche aggiunto che «per nessuno degli ambiti e dei settori nei quali, sulla base dell’assunto accusatorio, [Tizio] avrebbe illecitamente ed indebitamente utilizzato i suoi legami ed i suoi rapporti con esponenti di quello stesso gruppo criminale, si ritiene raggiunta una corrispondente idonea e sufficiente prova ed in ciò tenendo conto dei plurimi elementi di prova (dichiarativi e documentali) che l’istruttoria dibattimentale ha portato all’attenzione del Tribunale, i quali, come visto, non forniscono riscontri di carattere estrinseco (ed anche sul piano strettamente logico) alle dichiarazioni dei collaboratori, le quali costituscono nel caso in oggetto la primaria fonte di accusa».
E’ quindi mancata in sede penale la conferma che
[Tizio], quale concorrente esterno nell’associazione mafiosa, avesse fruito di agevolazioni per effetto di aderenze o collegamenti con la criminalità organizzata ai fini della sua ascesa imprenditoriale, smentendo proprio quanto ipotizzato dal Prefetto […] nell’informativa del 21 gennaio 2014, provvedimento al quale l’interdittiva impugnata nel presente giudizio pure ha rinviato per relationem; inoltre, l’essersi il Prefetto […] limitato a rilevare che in sentenza sarebbe stato comunque accertato che [Tizio] era vittima dell’azione estorsiva del clan, è conclusione che non solo finisce per azzerare irragionevolmente la rilevanza in sé dell’assoluzione, sostanzialmente negletta, ma denota anche una lettura parziale della decisione del Tribunale di cui vengono esaltati solo alcuni rilievi, tra l’altro confermativi di una situazione di forte soggezione alla criminalità organizzata e non anche dell’ipotizzata condizione di cooperazione.
In conclusione, non risultando adeguatamente dimostrato il ruolo di attuale gestore di fatto di
[Tizio] nella società ricorrente, essendo stato egli assolto da un’imputazione di concorso esterno in associazione mafiosa per fatti, tra l’altro, molto risalenti nel tempo, il provvedimento impugnato si rivela privo di un sufficiente ed idoneo quadro indiziario di sostegno».

Daniele Majori – Avvocato Amministrativista in Roma

Fonte:www.giustizia-amministrativa.it

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.