Appalti pubblici, Contratti pubblici

Il procedimento di verifica dell’anomalia è ora da ritenersi unitario, pur se articolato in più fasi istruttorie relative alle singole offerte, poiché solo all’esito dello stesso procedimento la stazione appaltante dichiara le eventuali esclusioni di quelle offerte che nelle fasi istruttorie sono state ritenute anomale e pronuncia l’aggiudicazione in favore della migliore offerta non anomala, mentre con la previgente formulazione l’esclusione veniva dichiarata ogni qual volta la singola offerta fosse risultata non affidabile.

(Tar Campania, Napoli, sez. VIII, 10 settembre 2014, n. 4870)

«[L]a ricorrente ritiene impropriamente che vi sia stato un esame contestuale delle giustificazioni fornite dalle tre imprese le cui offerte si erano posizionate oltre la soglia di anomalia […].
In senso contrario, si osserva che la commissione ha proceduto ad un esame diversificato delle offerte delle predette società partendo dal ribasso maggiore a scendere
[…], così come prescritto dall’art. 88, comma 7, del D.Lgs. 163/2006 e con orari diversi, dando luogo a distinti ed autonomi subprocedimenti, seppure svolti nella medesima data.
Né può ritenersi che l’amministrazione abbia illegittimamente sovvertito le fasi istruttoria e valutativa nel senso che avrebbe dovuto disporre immediatamente l’esclusione della singola partecipante dopo averne constatato l’incongruità dell’offerta per poi passare all’esame dell’offerta anomala successiva.
Sul punto, il D.Lgs. 11 settembre 2008 n. 152 ha modificato il comma 7 dell’articolo 88 del Codice, disponendo che solo all’esito del procedimento di verifica delle offerte di ribasso pari o superiore alla soglia di anomalia, la stazione appaltante dichiari le eventuali esclusioni e pronunci l’aggiudicazione in favore della migliore offerta non anomala, mentre con la previgente formulazione l’esclusione veniva dichiarata ogni qual volta la singola offerta fosse risultata non affidabile.
Pertanto, mentre la precedente formulazione del comma 7 dell’articolo 88 del Codice stabiliva che la stazione appaltante iniziava verificando la prima migliore offerta e, qualora la escludeva, procedeva allo stesso modo rispetto ad altre offerte, l’articolo novellato prevede che dopo la prima offerta, se questa è ritenuta anomala, si procede alla verifica delle altre offerte senza dichiarazione di esclusione, che verrà comminata solo all’esito del procedimento di verifica.
Alla luce della modifica introdotta, il procedimento di verifica dell’anomalia è ora da ritenersi unitario, pur se articolato in più fasi istruttorie relative alle singole offerte, poiché lo stesso procedimento si conclude con la dichiarazione delle esclusioni di quelle offerte che nelle fasi istruttorie sono state ritenute anomale e con l’aggiudicazione in favore della migliore offerta non riscontrata anomala.
Qualora, quindi, la verifica di congruità debba essere effettuata nei riguardi di più offerte, è possibile che le singole fasi istruttorie, al fine di ridurre i tempi per la individuazione dell’aggiudicatario definitivo, siano svolte nella medesima data ed in ordine successivo, a partire dalla migliore offerta e proseguendo gli avvii dei subprocedimenti delle altre offerte, anche se non ancora concluse le precedenti, seguendo l’ordine progressivo dei ribassi offerti (T.A.R. Lazio, Roma, 4 maggio 2010 n. 9341; determinazione Autorità per la Vigilanza sui contratti pubblici dell’8 luglio 2009 n. 6) e tale schema è stato rispettato nel caso in esame.
Il procedimento così impostato comporta una notevole riduzione dei tempi della procedura di gara: naturalmente, ad ogni concorrente deve essere garantito il rispetto delle fasi e della tempistica previste dall’articolo 88 del Codice degli appalti pubblici fino alla convocazione finale propedeutica all’esclusione
».

Daniele Majori – Avvocato Amministrativista in Roma

Fonte:www.giustizia-amministrativa.it

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.