Lavori pubblici

L’ATI mista è tale perché coniuga i due aspetti della attribuzione in capo alla mandataria della categoria prevalente e della possibilità per le mandanti sia di concorrere alla categoria prevalente sia di partecipare orizzontalmente per tutte le categorie scorporabili in diversa percentuale: si realizzano pertanto dei sub raggruppamenti orizzontali ai quali si applica la disciplina del raggruppamento orizzontale al fine di individuare (ex art 37, co. 6, d.lgs. n. 163/2006, in combinato disposto con l’art. 92, co. 2, D.P.R. n. 207/2010) i requisiti di partecipazione e di esecuzione per ciascuna impresa raggruppata, ben potendo la mandante del raggruppamento verticale essere mandataria del sub raggruppamento orizzontale per le categorie scorporabili.

(Tar Calabria, Reggio Calabria, 22 luglio 2014, n. 420)

«Con il terzo motivo di ricorso è censurata la violazione dell’art. 92 comma 2 del DPR 207/2010 poiché l’aggiudicataria – concorrendo in qualità di ATI mista con la società mandante […] – avrebbe dovuto rispettare i principi stabiliti nella norma evocata in tema di percentuali di partecipazione.
Risulta infatti che mentre nel sub raggruppamento orizzontale per la categoria principale OG6 sia la mandataria a possedere i requisiti in misura maggioritaria, nel sub raggruppamento per la categoria scorporabile OS22 i requisiti superiori siano posseduti dalla mandante .
La censura così come formulata non può essere condivisa.
La giurisprudenza ha affrontato la questione della ammissibilità delle ATI miste individuandone al contempo i profili di disciplina (vedi Cons. St. 5051/2011) allo scopo di garantire che anche per questa particolare forma associativa ricorrano i requisiti di affidabilità e trasparenza posti a tutela dell’interesse pubblico che vuole che i contratti pubblici siano affidati a soggetti in grado di garantire la regolare esecuzione sia dal punto di vista tecnico che economico.
In questa ottica, dunque, è stato ritenuto che anche la ampiezza del modello di associazione mista (orizzontale/verticale) debba consentire all’amministrazione di individuare in capo alla mandataria il soggetto che offra la maggior capacità di eseguire la prestazione principale che nel caso di appalto di lavori viene a coincidere con la categoria prevalente.
L’Ati mista è tale perché coniuga i due aspetti della attribuzione in capo alla mandataria della categoria prevalente e della possibilità per le mandanti sia di concorrere alla categoria prevalente sia di partecipare orizzontalmente per tutte le categorie scorporabili in diversa percentuale.
Si realizzano pertanto dei sub raggruppamenti orizzontali ai quali si applica la disciplina del raggruppamento orizzontale al fine di individuare (ex art 37 co 6 in combinato disposto con l’art. 92 co 2) i requisiti di partecipazione e di esecuzione per ciascuna impresa raggruppata ben potendo la mandante del raggruppamento verticale essere mandataria del sub raggruppamento orizzontale per le categorie scorporabili.
Tale interpretazione della norma è l’unica coerente con il dato legislativo e con la ratio del raggruppamento temporaneo di impresa poiché da un lato consente – grazie alla flessibilità del modello- di favorire la partecipazione delle imprese alla gara, dall’altro non spoglia l’amministrazione della garanzia rappresentata dal fatto che la mandataria sia l’impresa realmente più qualificata per l’esecuzione dell’opera in quanto in possesso di una percentuale di requisiti ritenuti indispensabili per la affidabilità dell’offerta.
Nel caso di specie l’offerta dell’ATI aggiudicataria risponde ai requisiti di legge ed ai principi giurisprudenziali enunciati, poiché nel sub raggruppamento orizzontale per la categoria scorporabile OS22 la mandante
[…] assume il ruolo di mandataria possedendo i requisiti in maniera superiore e precisamente all’80% e dunque in una percentuale superiore alla soglia del 40% individuata dal Regolamento».

Daniele Majori – Avvocato Amministrativista in Roma

Fonte:www.giustizia-amministrativa.it

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.