Beni culturali, Edilizia e urbanistica

La normativa in tema di protezione paesaggistica non tutela l’estetica in quanto tale, ma i valori tradizionali che si mostrano alla vista.

(Tar Lazio, Roma, sez. II Bis, 8 febbraio 2012, n. 1241)

«L’estetica che la normativa in tema di protezione paesaggistica intende tutelare è l’esteriore, tradizionale aspetto del territorio, ciò che tutti possono godere con la vista. Si tratta di quell’aspetto del territorio che è ritenuto “tradizionale”, ossia l’ordine e la forma fisica esteriore ereditati dalla tradizione presente in determinati luoghi, il cui valore sia riconosciuto attraverso le procedure della legge stessa. Come i monumenti, così il valore del paesaggio è visto saldamente ancorato alla “memoria” collettiva.
La legge non tutela dunque l’estetica in quanto tale, ma i valori tradizionali che si mostrano alla vista. Ciò significa che quando si esamina un progetto di trasformazione degli immobili nei luoghi tutelati non si tratta di stabilire se la nuova architettura sia esteticamente valida, ma se quell’intervento modifica l’aspetto tradizionale con cui si mostra l’ordine spaziale delle cose immobili presenti storicamente in quel determinato luogo. Nell’ottica del legislatore del 1939 e del codice del 2004 si può costruire in quei luoghi, svolgere attività e anche trasformare i beni immobili, purché si rispettino i valori tradizionali di quel loro esteriore aspetto.
In fattispecie la costruzione, realizzata sulla litoranea ardeatina, interrompe la continuità panoramica della spiaggia e del mare e, perciò, assume un evidente carattere invasivo e di disturbo nella fruizione del paesaggio costiero, in contrasto con il valore tutelato.
Alla luce di queste considerazioni e dell’attualità dell’interesse coeso alla tutela ambientale del litorale ardeatino non possono aver rilievo, onde sminuire l’efficacia della motivazione del provvedimento di diniego della sanatoria, o la sua validità, il tempo trascorso tra la presentazione della domanda e la conclusione dell’iter procedimentale, né gli atti compiuti dall’amministrazione nel corso della lunga istruttoria, che in certi momenti hanno fatto sorgere negli interessati la speranza di un esito positivo (come la richiesta di contribuzione per l’urbanizzazione e il costo di costruzione).
Nemmeno può aver pregio il rilievo di riconosciuta compatibilità ambientale per altre costruzioni in area, giacché la valutazione in merito è condotta per singole tipologie edificate (né, comunque, il vizio di contraddittorietà per disparità di trattamento potrebbe essere invocato in ragione di adeguamento a scelte ipoteticamente difformi dai canoni di legittimità).
Per quanto concerne il periodo di costruzione dell’immobile, l’assunto di parte ricorrente secondo cui la costruzione risale agli anni cinquanta del secolo scorso, per quanto possa qui rilevare, è contraddetto dalle dichiarazioni della precedente proprietaria (…),riportate nella domanda di sanatoria dalla stessa presentata nel 1985, secondo cui l’edificio è stato realizzato nel 1964. Le stesse fotografie aeree della zona interessata allegate dai ricorrenti, risalenti al 1955 ed estratte dall’archivio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, riproducono un’area intonsa e priva di costruzioni (altre foto prodotte non sono datate e, comunque, rappresentano strutture alquanto diverse dalla costruzione per la quale era stato chiesto il condono).
Per quanto sopra, occorre concludere per la reiezione dell’impugnativa, non sussistendo i presupposti per la pronuncia in senso contrario, come richiesta dai ricorrenti
».

Daniele Majori – Avvocato Amministrativista in Roma

Fonte:www.giustizia-amministrativa.it

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.